Presentazione del bilancio sociale 2016 dell’Associazione Mosaico

Presentato il bilancio sociale 2016 dell'Associazione Mosaico: cresce il numero di enti locali e associazioni che, in tempi di ristrettezze economiche, guardano con interesse alle opportunità offerte dal servizio civile. Ma la ripresa dell'occupazione e la procedura ancora lunga e farraginosa per l'attivazione dei progetti, rischiano di affaticare un settore da tempo in cerca di un rilancio. Una ripresa che passa attraverso il coinvolgimento del territorio, così come succede con la leva civica, un esperimento simile al servizio civile, introdotto dalla Regione nel 2014 che punta, attraverso un iter amministrativo più snello, su bandi in parte finanziati dall'Amministrazione regionale e in parte direttamente dagli enti locali. 

Il servizio civile coinvolge nella Bergamasca circa 350 ragazzi, più un centinaio che aderiscono ai progetti regionali della leva civica. «La domanda degli enti pubblici e del privato sociale è in aumento dice Claudio Di Blasi, presidente dell'associazione Mosaico . Per i ragazzi si tratta un percorso interessante, perché rappresenta una delle poche strade in grado di avvicinarli ad ambienti di lavoro complessi; non a caso il ritorno occupazionale si aggira intorno al 60%».

"Il servizio civile rientra tra le iniziative importanti di formazione per i giovani – dice il presidente, Carlo Vimercati. – È un filone che ci interessa e che vogliamo aiutare, in particolare utilizzando i nostri fondi patrimoniali. Per questo verrà istituito un fondo dedicato, il cui ricavato servirà a finanziare l'attività dell'associazione Mosaico. Noi saremo in prima linea a ricercare risorse e a implementare questo fondo, affinché i cittadini che vogliono aiutare i giovani del servizio civile possano farlo con le donazioni».

Leggi l'articolo de L'Eco di Bergamo ed. 27 gennaio 2018

 

 

 

 

 

 

 

  

 

Pubblicato il: 27 gennaio 2018