La Memoria Visibile: la mappa interattiva della città che cambia

Presentazione della piattaforma online: LA MEMORIA VISIBILE Mappa interattiva di una città che cambia

 

Un progetto di Laboratorio 80

Realizzato con il contributo di Fondazione della Comunità Bergamasca

 In collaborazione con Lab 80 film, Associazione Cinescatti, Fondazione Bergamo nella Storia

  IL PROGETTO Il progetto è nato nel 2012 con l’intento di valorizzare i filmati provenienti dall’archivio di filmati amatoriali e di famiglia Cinescatti, un patrimonio prezioso per raccontare la città di Bergamo, i suoi cambiamenti e la sua storia, che si è voluto rendere accessibile attraverso un uso innovativo della rete. La piattaforma La Memoria Visibile è stata realizzata da Laboratorio 80 con il contributo di Fondazione della Comunità Bergamasca.   LA PIATTAFORMA La Memoria Visibile è una piattaforma online che permette all’utente di esplorare il territorio attraverso la visione di filmati realizzati tra gli anni ’30 e gli anni ’90, digitalizzati a partire dall’originario supporto in pellicola. L’utente può visualizzare video che raccontano il territorio bergamasco secondo itinerari spaziali e temporali sempre nuovi creando percorsi di ricerca e di visione assolutamente personali, e costruendo autonomamente delle vere e proprie geografie narrative. La Memoria Visibile intende proporre una riflessione sulle metamorfosi della città, stimolando a soffermarsi sulle stratificazioni urbanistiche e a domandarsi chiede quali segni, quale cultura, quali tensioni, quali aspettative, rivelavano e rivelano luoghi e persone. Attualmente il materiale video inedito proviene prevalentemente dal territorio di Bergamo, con una particolare attenzione alla riflessione sull’evoluzione, sociale e urbanistica, di città alta. La Memoria Visibile è un progetto pilota, che ha l’ambizione di varcare in futuro i suoi confini territoriali e proporsi come strumento utilizzabile da altri archivi già esistenti a livello nazionale e internazionale. I PERCORSI GUIDATI: Cronache di quartiere – L’identità di Città Alta tra passato e presente La piattaforma spinge a un “virtuoso vagare” ma prevede percorsi guidati: in particolare si propone una riflessione sull’evoluzione, sociale e urbanistica, di Città Alta. Una ricognizione resa possibile dal recupero del documentario Cronache di quartiere del 1974 e dall’impegno costante dell’Associazione Città Alta e Colli. Il documentario, girato da Pino Tiani, autorevole cineamatore Bergamasco (presidente della Fedic, Federazione Italiana dei Cineclub, dal 1968 al 1982), fotografa l’architettura e il tessuto urbano di Bergamo alta in un periodo chiave, a cavallo della trasformazione da quartiere popolare a zona turistica e “di lusso”. La riflessione si basa sull’osservazione diretta e sul confronto col passato, da parte dei volontari dell’associazione, armati della loro memoria di cittadini e dei documenti fotografici rimasti. Il percorso è composto da documenti, video, immagini, suoni e naturalmente mappe. Laboratorio 80 ringrazia per la collaborazione Fondazione Bergamo nella Storia e Associazione Città Alta e Colli.

Pubblicato il: 3 dicembre 2013