Approvata la graduatoria dei progetti preselezionati per i bandi dell’area culturale

Nella seduta di giovedì 28 giugno il CDA della Fondazione ha chiuso per il 2018 gli stanziamenti destinati ai bandi territoriali: sono state pubblicate le graduatorie dei progetti di area culturale preselezionati, gli ultimi in attesa di definizione.

Per quanto riguarda le microerogazioni territoriali, cioè gli interventi mirati alla valorizzazione e rivitalizzazione delle comunità locali, sono stati selezionati 14 progetti sui 18 consegnati, per un totale di € 20.000; mentre il bando per la tutela dei beni storico-artistici ha visto promossi 19 progetti su 23 proposti, per un totale di € 180.000.

Grande attesa dal territorio per il bando relativo alle attività culturali di interesse collettivo: sono stati presentati dalle organizzazioni 115 progetti per una richiesta complessiva di € 1.164.764, a fronte di una somma stanziata di € 400.000 a disposizione (a cui sono stati aggiunti € 6.000 dai residui di fondi territoriali). E’ comprensibile il grande lavoro che la commissione di valutazione e il Consiglio della Fondazione hanno dovuto svolgere per poter stilare una selezione di progetti, a fronte di una domanda e di un bisogno tanto sproporzionati. Oltre ai criteri di valutazione previsti, formali e sostanziali, si è proceduto cercando di dare un contributo al numero maggiore possibile di progetti, allo scopo di dare un segnale di vicinanza e disponibilità della Fondazione al proprio territorio, pur non potendo rispondere appieno alle richieste presentate. Inoltre si è cercato di seguire anche un criterio di competenza di tipo territoriale e geografico, individuando, quando possibile, almeno un progetto per ambito.

La cultura, così come l’ambito sociale, si rivela anche quest’anno un terreno difficile sul quale l’operato della Fondazione si sta interrogando, per poter rendere il proprio contributo e la propria azione efficace e significativa per la comunità: a partire dall’analisi dei progetti presentati, dei settori di attività specifica, dei target individuati, dei bisogni evidenziati, sarà compito della Fondazione studiare una riformulazione dei bandi e una ridefinizione degli obiettivi che possano portare a una crescita del territorio bergamasco.

Per tutti i progetti preselezionati è attiva fino al 30 settembre la raccolta a progetto, che prevede il confluire sui progetti finanziati di donazioni pari al 20% dell’importo promesso dalla Fondazione. Tutti i bonifici dovranno pervenire sui conti correnti della Fondazione, con la chiara indicazione dei progetti a cui sono collegati; per informazioni relative a progetti finanziati e coordinate bancarie di riferimento visitate la pagina dei Progetti.

 

Pubblicato il: 2 luglio 2018